Certified citizen. Dal design dei servizi un’idea per il futuro del volontariato

19 luglio 2016

Immaginare le professioni del futuro, predire il cambiamento nel mondo del lavoro e raffigurarlo definendo nuove professionalità, sembra una missione impossibile in questo momento storico in cui gli scenari lavorativi mutano e si aprono a nuovi paradigmi, ma è la sfida che hanno affrontato gli universitari del Master Degree inProduct-Service System Design del Politecnico di Milano.

Tenendo in considerazione cambiamenti come social innovation, sharing economy, smart working, gli studenti sono stati chiamati ad interpretare alcuni trend emersi dalla ricerca CIMULACT 2020, il progetto europeo che coinvolge oltre 30 paesi europei con l’obiettivo di incrementare la partecipazione dei cittadini, nell’identificazione dei campi di applicazione futuri della ricerca europea.
Da queste premesse prende le mosse il lavoro di Rita Nicolau, Matteo Chimienti, Luisa Gibertoni, Guo Weirun che, sotto l’egida della professoressa Daniela Selloni, hanno intrapreso una ricerca sulle professioni del futuro, scegliendo la figura del cittadino certificato.

Il futuro è ciò che costruiamo

Tim Berners-LeeInformatico britannico

L’ipotesi teorica ispirata dalla ricerca del progetto CIMULACT 2020, ha impegnato il team in un lavoro sul campo a caccia di testimonianze e realtà operanti in Italia che possedessero i requisiti delineati dall’identikit del certified citizen:

Certified citizen. Un’idea per il futuro del volontariato

Proprio questa fase di scouting ha portato il team del laboratorio Job Design ad identificare CrisisLab, come uno dei casi di studio affine alla figura del certified citizen.

Le interviste a professionisti di diversi settori, tra cui volontariato, sicurezza pubblica e della gestione del rischi hanno contribuito a delineare limiti di azione e responsabilità dei cittadini certificati e progettare un servizio che può rappresentare un’evoluzione per il mondo del volontariato.

“Certicinet” è il servizio immaginato dal gruppo di lavoro che vede i cittadini certificati come link tra la cittadinanza e le amministrazioni, sia che si tratti di una situazione di emergenza, sia che si tratti di dover esprimere la voce dei cittadini, garantendo il dialogo e lo scambio di informazioni tra le parti coinvolte, mediante una piattaforma virtuale al servizio di una realtà locale.

Certified citizen. Un’idea per il futuro del volontariato

Certicinet, quindi, mira ad accrescere consapevolezza e partecipazione come recita il claim dell’iniziativa: “Certicinet, become more citizen”.
Il risultato prodotto dal laboratorio “Job Design”  si è rivelato una sfida per gli studenti chiamati a dare forma al futuro, ma soprattutto costituisce una risorsa preziosa per chi è in cerca di spunti per innovare il terzo settore e può farlo traendo esempio dalla creatività e capacità dei futuri professionisti del design dei servizi.
Il nostro grazie va a Matteo, Luisa, Rita, Guo e Daniela che ci hanno confermato con il loro interesse di stare seguendo la via giusta, quella dell’innovazione che percorriamo giorno per giorno.

A loro dedichiamo questo pensiero che ispira il nostro progetto di certified citizen, del prossimo futuro.

Non preoccuparti di cosa sta per fare qualcun altro.
Il miglior modo per predire il futuro è inventarlo.

Alan Kay